Ci si muove in concreto per la salute del Mare Nostrum con l’organizzazione di un Monitoraggio con la “M” maiuscola per verificare l’effettiva entità di microplastiche nelle acque del Golfo di Gaeta e in particolare lungo le coste della Riviera di Ulisse. È nato, così, MICROMAR, un progetto di citizen science, in tal senso che si avvale della disamina di valori di monitoraggio in campioni d’acqua prelevati in diverse aree del nostro mare.

Il progetto MICROMAR nasce in sinergia tra l’Istituto Oceanografico di San Diego, in California, l’Università di Napoli “Federico II” e AIPU Associazione per lo sviluppo sostenibile ed è inserito in quelli presenti nel Contratto di Costa della Riviera di Ulisse e Foce del fiume Garigliano. Si ringraziano i volontari che partecipano alla raccolta dei campioni di acqua, il Parco Riviera di Ulisse quale coordinatore del contratto di Costa e la componente degli Istituti scientifici e l’Università che elaborano i dati raccolti.
Venerdì 22 luglio prossimo, alle 19.30, sulla terrazza del Club Nautico di Gaeta si terrà una tavola rotonda in cui saranno resi pubblici i risultati delle indagini di laboratorio effettuate sui primi campioni d’acqua a suo tempo prelevati nel nostro golfo e inviati all’Istituto Oceanografico di San Diego.
Durante la serata si dibatteranno anche altri temi riguardanti l’attuale “stato di salute” del Mediterraneo.

Di seguito, lo svolgimento della tavola rotonda.

Saluti istituzionali
Cristian Leccese, sindaco di Gaeta; C.F. (CP) Angelo Napolitano, Comandante della Capitaneria di Porto di Gaeta; Giampaolo Scalesse, Presidente del Club Nautico di Gaeta; Carmela Cassetta, Presidente del Parco Regionale Riviera di Ulisse; Domenico Calcaterra, Direttore del Dipartimento di Scienze della Terra, dell’Ambiente e delle Risorse – DISTAR dell’Università di Napoli Federico II; Gianluca Di Fazio, Presidente LNI sezione di Gaeta.

Interventi e temi trattati
Dimitri Deheyn, Associate Research Scientist of Scripps Institution of Oceanography, San Diego, California; Patrizia Pretto (Microbiologa Ambientale Progetto Micromar): Progetto Micromar; Adriano Madonna (Biologo Marino, EClab Università di Napoli “Federico II”) : Mediterraneo, un mare sotto stress; Manuela Rossi, Ada A. Rasulo, Erica Errico, Francesca Cipolletta (Università di Napoli “Federico II”- DISTAR): Risultati del monitoraggio; Rita Tufano (Università di Napoli “Federico II” – DISTAR): La stabilità dei versanti nell’area del sentiero di Cala Cetarola.

“In fondo al mar” fa parte del programma “Estate – Viviparchidelazio”

Locandina In Fondo Al Mar 22 luglio 2022

(Visited 3 times, 1 visits today)